Airspy-R2 | Airspy
Airspy » Airspy-R2

Ricevitore a conversione con low-IF digitale (SDR) in box controllato da PC, opera tra 24-1800 MHz all-mode. Paese di ideazione USA.

Specifiche tecniche :

Frequenze 24.0000 ~ 1800.0000 MHz
Modi operativi CW / LSB / USB / AM / FM / WFM
Passo di sintonia 1 Hz minimo
Selettività Liberamente definibile
Campionamento ADC Freq. 20 Msps
Res. 12 Bit
Cifra di rumore 3.5 dB (42~1002 MHz)
IP3 +35 dBm [1]
Precisione in frequenza ± 0.5ppm
Memorie Illimitate locazioni generali
Antenne 50Ω su SMA
Alimentazione 5 VDC esterna via USB
Consumi 340 mA
Uscita I/Q 10 MHz di larghezza di banda
Connessioni Micro-USB2.0
MCX (riferimento 10~100 MHz ingresso)
Temperatura operativa da -10°C a +40°C
Dimensioni 53 (L) x 25 (A) x 39 (P) mm
Peso 65g

[1] Caratteristica in banda del solo front-end

Descrizione :

L'Airspy-R2 è un ricevitore per VHF ed UHF di piccolo ingombro che adotta una conversione in frequenza ad un basso valore di IF, ovvero una configurazione low-IF, alla quale segue un campionatore ADC che origina un flusso digitale per le componenti in-fase e quadratura (I/Q) del segnale. Queste ultime vengono inviate ad un PC dove tutte le funzioni di filtraggio, demodulazione ed elaborazione del canale radio vengono svolte nel dominio numerico. Si tratta dunque di un SDR con architettura ibrida e dalle peculiari caratteristiche. La compatibilità a livello software è garantita con tutti i principali applicativi quali HDSDR, SDR#, SDR-Radio, GQRX, GNU Radio. I sistemi operativi supportati sono dunque diversi e contemplano Windows, Linux, OSX. A livello hardware il ricevitore Airspy R2 adotta la tecnologia plug-and-play che ne facilità e rende immediato l'uso sotto Windows, tale aspetto è in linea con la filosofia del brand Airspy che punta a rendere disponibile un apparato dalle doti di flessibilità applicativa ponendosi come ideale competitor per gli scanner tradizionali verso i quali aggiunge la possibilità di effettuare ricezioni coerenti impiegando più dispositivi (grazie ad un ingresso di sincronizzazione per il clock) e di monitorare emissioni su ampie larghezze di banda come richiesto, ad esempio, dall'ADS-B in campo aeronautico.

Problemi di interferenze RF?
Valutate la nostra soluzione, efficace ed economica.

Altre caratteristiche: possibilità di espandere la copertura in frequenza verso il basso sino a pochi KHz con l'opzione SpyVerter, uscita dei dati I/Q su 10 MHz di larghezza di banda oppure a velocità ridotta di 2.5 Msps per l'interfacciamento con dispositivi Raspberry-Pi ed altri, funzione di analizzatore di spettro panoramico sino a 9 MHz (10 MHz accettando artefatti causati da fenomeni di aliasing). Inoltre molte porte e connessioni accessibili sul circuito stampato per scopi di sperimentazione. Tra questi una uscita RF passante per il collegamento in serie di un altro ricevitore, 2 ingressi diretti all'ADC per una conversione ad alta velocità fino a 80 Msps, circuito bias-tee per fornire 4.5 Volt sulla linea di antenna così da alimentare preamplificatori o convertitori di frequenza esterni, 2 terminali per alimentazione a 5.0 e 3.3 Volt, vari terminali per linee digitali in/out programmabili.

Prestazioni e note d'uso :

A suo modo l'Airspy R2 spicca rispetto altri SDR per implementare una piattaforma aperta, utile per gli appassionati avanzati, e per avere nello stesso tempo reso facilmente accessibili le potenzialità delle Software Defined Radio alla generalità degli hobbisti che si dedicano agli ascolti su V/UHF. Correttamente questo modello può affiancare od anche prendere il posto di uno scanner tradizionale in quanto va incontro alle medesime esigenze. Dato che le prestazioni come selettività, memorie, analisi sui segnali dipendono dal programma di gestione e non dall'apparato in quanto tale è significativo porre l'accento sui due principali tratti positivi e negativi di questo ricevitore. Dal lato positivo vi è l'indubbia ottima sensibilità, effettivamente superiore alla media, che rende l'Airspy R2 in grado di ampliare il campo di ascolto anche alle stazioni più deboli e lontane. Dal lato negativo vi è una dinamica RF che risente della modesta reiezione alle frequenze immagini, aspetto connaturato con la configurazione circuitale adottata. Nel complesso sottolineiamo che coloro che hanno provano in modo esaustivo questo piccolo SDR di casa Airspy non ne sono mai rimasti delusi.

Valutazione :

Sensibilità
Selettività
Dinamica
Risposte spurie
Audio
Funzioni sul segnale
Funzioni di controllo
Facilità d'uso

Termini di giudizio: 1=inadeguato, 2=appena sufficiente, 3=mediocre, 4=buono, 5=eccellente

Confrontate il ricevitore :

Visionate fianco a fianco le caratteristiche dell'Airspy-R2 con quelle di un altro apparato.