IC-R8500 | ICOM
ICOM » IC-R8500

Ricevitore wide-band desktop a tripla conversione in configurazione analogica, opera tra 0.1-2000 MHz all-mode. Riunisce le funzionalità di un classico apparato HF con quelle di uno scanner, ampia possibilità di ricerca e gestione delle memorie. Anno di introduzione 1996, paese di ideazione Giappone.

Specifiche tecniche :

Frequenze [1] 0.1000 ~ 1999.9999 MHz
Modi operativi CW / LSB / USB / AM / FM / FMW
Passo di sintonia 10 / 50 / 100 Hz / 1 / 2.5 / 5 / 9 / 10 / 12.5 / 20 / 25 / 100 KHz / 1 MHz
Programmabile entro 0.5~199.5 KHz a passi di 0.5 KHz
Sensibilità SSB / CW 1.0 uV (0.1~0.5 MHz, 10dB S/N)
2.0 uV (0.5~1.8 MHz, 10dB S/N)
0.25 uV (1.8~2 MHz, 10dB S/N)
0.2 uV (2.0~30 MHz, 10dB S/N)
0.32 uV (30~1000 MHz, 10dB S/N)
0.32 uV (1240~1300 MHz, 10dB S/N)
AM 6.3 uV (0.1~0.5 MHz, 10dB S/N)
13.0 uV (0.5~1.8 MHz, 10dB S/N)
3.2 uV (1.8~2 MHz, 10dB S/N)
2.5 uV (2.0~1300 MHz, 10dB S/N)
2.5 uV (1240~1300 MHz, 10dB S/N)
AM-N 2.5 uV (1.8~2 MHz, 10dB S/N)
2.0 uV (2.0~1300 MHz, 10dB S/N)
2.0 uV (1240~1300 MHz, 10dB S/N)
AM-W 3.2 uV (30~1300 MHz, 10dB S/N)
3.2 uV (1240~1300 MHz, 10dB S/N)
FM / FM-N 0.5 uV (28~1000 MHz, 12dB SINAD)
0.5 uV (1240~1300 MHz, 12dB SINAD)
FM-W 1.4 uV (30~1000 MHz, 12dB SINAD)
2.0 uV (1240~1300 MHz, 12dB SINAD)
Selettività CW-N [3] > 0.5 KHz (-6dB)
< 1.0 KHz (-60dB)
SSB / CW > 2.2 KHz (-6dB)
AM-N > 2.2 KHz (-6dB)
AM / FM-N > 5.5 KHz (-6dB)
FM / AM-W > 12 KHz (-6dB)
FM-W > 150 KHz (-6dB)
Attenuatore RF 10 dB
20 dB
Intervento IF-shift ± 1.2 KHz minimo
Reiezione ultima filtri [2] 75 dB
Dinamica [2] 81 dB (segnali spaziati di 20 KHz)
59 dB (segnali spaziati di 5 KHz)
Blocking [2] 132 dB (segnale spaziato di 100 KHz, 14 MHz)
IP3 +27 dBm (14 MHz)
Reiezioni immagini > 60dB (1.8~30 MHz)
> 50dB (30~1000 e 1240~1300 MHz)
AGC Veloce, lento
Stabilità in frequenza ± 3ppm con temperatura da -10°C a +50°C
Media frequenza 48.8 MHz (0.1~30 MHz)
778.7 MHz (30~500 MHz)
266.7 MHz (500~1200 MHz)
778.7 MHz (1200~1500 MHz)
266.7 MHz (1500~2000 MHz)
10.7 MHz
455 KHz (non usata per la FM-W)
Memorie 800 locazioni generali suddivisi in banchi da 40
100 locazioni per l'autoscrittura nella scansione
100 locazioni per esclusione nella scansione
20 per limiti di banda nella scansione
1 canale prioritario
Display 10 Hz di risoluzione in frequenza
8 caratteri alfanumerici per le memorie
5 caratteri alfanumerici per i banchi di memorie
Antenna 50Ω su SO239 (0.1~30 MHz)
50Ω su N (30~2000 MHz)
500Ω su RCA (0.1~1.8 MHz)
Alimentazione 13.8 VDC esterna
Consumi 2000 mA attivo
1800 mA squelch inserito
Livello audio 2 W su carico di 4~8Ω
Uscita audio Jack 6.35 mm cuffia
Jack 3.5 mm altoparlante esterno
Jack 3.5 mm audio
Jack 3.5 mm abilitazione registratore
Uscita ausiliaria AGC / discriminatore FM non filtrato
Connessione PC CI-V su Jack 3.5 mm
RS232C-25
Temperatura operativa da -10°C a +50°C
Dimensioni 287 (L) x 112 (A) x 309 (P) mm
Peso 7kg

[1] Le specifiche sono garantite tra 0.1 ~ 1000 MHz e tra 1240 ~ 1300 MHz
[2] Questo parametro, non nei dati ufficiali, è stato ricavato con test diretti
[3] Filtro opzionale FL-52A per la IF di 455 KHz

Descrizione :

L'IC-R8500 è un ricevitore dalle molte funzioni, tutt'altro che complesso da usare, con alcuni punti di rilievo nella gestione dei controlli essendo dotato di una razionale suddivisione degli elementi sul frontale. Sostanzialmente l'apparato è internamente diviso tra una sezione dedicata alle frequenze inferiori ai 30 MHz ed una sezione, più articolata nello schema di conversione, per le frequenze superiori fino ai 2000 MHz. Opera in tutti i modi, dispone di IF-shift per spostare il passa banda del filtro rispetto la frequenza sintonizzata , filtro audio passa-banda regolabile in frequenza e su due livelli di selettività, noise-blanker, costante di tempo AGC selezionabile, squelch, due attenuatori RF, orologio interno e timer di spegnimento. Ampia dotazione di memorie raccolte in 20 gruppi distinti che possono venire identificati da un termine a cinque caratteri mentre otto caratteri sono inseribili per contrassegnare ciascuna frequenza, un banco di memoria è destinato alla funzione di autoscrittura che tiene traccia delle frequenze attive durante una scansione, un ulteriore banco di memoria consente di inserire i canali che l'utente impone siano ignorati durante la scansione. L'impostazione della sintonia può avvenire tramite comando rotativo, la cui frizione è regolabile, con immissione diretta dalla tastiera, od ancora su gestione remota da PC. Passi di sintonia predefiniti ed anche impostabili dall'utente.

Molteplici opzioni di ricerca: tra limiti di banda, entro le memorie, su canale prioritario, in base al modo, con autoscrittura. Velocità di scansione 10 memorie al secondo, 20 canali al secondo nella ricerca tra limiti di banda. Funzione VSC per sbloccare la scansione in presenza di una portante non modulata. Controllo automatico della frequenza AFC nel modo FM, indicazione di sintonia sul display.

Prestazioni e note d'uso :

Tratto saliente di questo ricevitore è la sua natura ibrida, sostanzialmente un apparato HF cui è stato aggiunto uno scanner per V/UHF oppure - simmetricamente - uno scanner a cui è stata aggiunta una sezione HF dedicata. Indipendentemente da questa visione il modello ICOM offre caratteristiche a suo modo uniche che lo fanno apprezzare da talune fasce di utilizzatori. Nell'evidenziare i pregi ed i difetti va posto in primo piano che la combinazione di sensibilità e reiezione alle immagini ha il suo massimo nell'intervallo 30~500 MHz presentando un progressivo degrado sulle frequenze superiori in ragione dello schema di conversione adottato. Al di sotto dei 30 MHz la dinamica in presenza di segnali ben distinti dalla frequenza sintonizzata è certo di buon livello ma tuttavia peggiora significativamente per separazioni contenute compromettendo l'ascolto in bande affollate. La mediocre selettività dei filtri rende difatti il ricevitore non competitivo in questi casi.

Aspetto da rammentare è la gestione obbligata del sistema di antenna. A seconda che si stia sintonizzando un canale radio inferiore o superiore ai 30 MHz in automatico viene reso attivo un specifico connettore di ingresso, rispettivamente SO239 ed N. L'apparato è pensato cioè per avere due antenne distinte e riservate ad un predefinito segmento di frequenze, di riflesso qualora si voglia impiegare una singola antenna a larga banda sorgono delle difficoltà. Al contrario coloro che dispongono di sistemi separati possono avvantaggiarsi di questa modalità che rende superfluo un commutatore esterno. In altri termini la forma di gestione integrata nell'IC-R8500 può essere negativa quanto positiva in funzione di come verrà cablato l'impianto.

Altro aspetto peculiare è la disponibilità sul pannello posteriore di un connettore dove è normalmente presente la linea di AGC ovvero una tensione proporzionale all'intensità del segnale captato. Con un modesto intervento, senza modificare in alcun modo il circuito, si può predisporre per avere invece l'uscita come fornita dal discriminatore FM priva di alcuna azione di filtro. Accedere direttamente al discriminatore è importante quando si voglia decodificare flussi di dati digitali. Genericamente parlando i contenuti di tale natura, stringhe di bit dunque, possono vedere degradata la propria integrità quando in ricezione vengono filtrati secondo le modalità che contraddistinguono le esigenze audio dell'apparato. L'IC-R8500 permette di superare questo problema consentendo di elaborare i segnali con opportuni software per vari scopi: rilevare i toni CTCSS di chiamata selettiva, seguire il traffico marittimo AIS, analizzare le trasmissioni dei servizi di telemetria in FSK/GMSK, eccetera. In altri termini delle notevoli potenzialità per gli sperimentatori che si dedicano alle comunicazioni V/UHF.

Valutazione :

Sensibilità
Selettività
Dinamica
Risposte spurie
Audio
Funzioni sul segnale
Funzioni di controllo
Facilità d'uso

Termini di giudizio: 1=inadeguato, 2=appena sufficiente, 3=mediocre, 4=buono, 5=eccellente

Confrontate il ricevitore :

Visionate fianco a fianco le caratteristiche dell'IC-R8500 con quelle di un altro apparato.